L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


LONDON AND BREXIT - CHRISTMAS PARTY

 PREMESSA...A ME DEL RISULTATO DEL REFERENDUM NON INTERESSA TANTO SIA CHE VINCA IL SI CHE IL NO E' TUTTO RELATIVO E I MERCATI SI GIOCHERANNO UN +3% O UN -3% E POI COMUNQUE GIOVEDI C'E' LA BCE...TRUMP E LA BREXIT ERANO FONDAMENTALI..IL REFERENDUM UNA CACCOLA NEL MARE MAGNUM MONDIALE

Giornata intensa ieri a Londra. dopo al bella presentazione di Casa Londra del giorno precedente e la serata al Romulo Cafe'ad high street kensington, la mattinata è iniziata con una bella analisi immobiliare di Alberto Orru', a seguire abbiamo visitato un progetto in fase di realizzazione a Earls Court.

Il pomeriggio abbiamo ripreso con una efficacie ed esaustiva presentazione fiscale dello Studio Belluzzo and Partners.
A partire dalle 16 Fintech e Blockchain hanno preso l'attenzione dei presenti e abbiamo avuto l'occasione di ascoltare Giacomo Zucco, Thomas Bertani, Vincenzo Mioccio un'altra start up blockchain e un ospite che ci ha deliziato per 75 minuti con una storia imprenditoriale "indimenticabile"


  

E alla sera 
un grazie agli assenti Stefano Bassi Gianni Cicciuz Rossi. Ai relatori presenti, da Casa Londra a Thomas Bertani, Natale Ferrara, Giacomo Zucco Giancarlo D, Alberto Orru, Federico Izzi.
UN GRAZIE PARTICOLARE A TUTTI GLI AMICI CHE SONO INTERVENUTI VOLANDO A LONDRA, RUBANDO TEMPO A IMPEGNI FAMILIARI E LAVORATIVI.
Fintech, Bitcoin e Blockchain, Fiscalita', real estate, ma sopratutto Brexit ...siamo in un mondo che è pronto per cambiare e noi vogliamo esserci!
In Italia si pensa alle beghe politiche di un sistema fallito e centralizzato, burocratico e asfittico.. La brexit è rottura con il passato, e' decentramento, e' linfa vitale di un nuovo modello di trust basato su un registro pubblico dove i piccoli giocheranno a d armi pari con i grandi e dove gli intermediari e i controllori son destinati a sparire o ridimensionarsi

Share/Bookmark

EVENTO BLOCKCHAIN STARTUPS

Hotel Baglioni
60 Hyde Park Gate 
Friday December 2
16.00 - 18.30
 STARTUPS
BLOCKCHAIN E CRYPTOCURRENCIES!
WHERE AND WHY TO INVEST IN 2017?

WMO Sagl presenta a Londra a un gruppo di selezionati amici/ investitori 4 societa' start up nel mondo Blockchain e criptocurrencies.

 
The presentations runs from 4.00 p.m. to 6:30 at the Baglioni Hotel in London. Speakers include Thomas Bertani of Oraclize, Giacomo Zucco of blockchainlab and BIP42, Natale Ferrara of Blockchaininvest.

to partecipate:
 info@wmogroup.com




Share/Bookmark

LONDRA CHIAMA BITCOIN ! PREZZI ANCORA IN AREA RECORD !



Share/Bookmark

OPEC Ministers Say a Deal Is Close as Meeting on Oil Cuts Begins

OTTIMO

Share/Bookmark

BLOCKCHAIN STARTUPS - LONDON 2 DECEMBER 2016

Hotel Baglioni
60 Hyde Park Gate 
Friday December 2
16.00 - 18.30
 STARTUPS
BLOCKCHAIN E CRYPTOCURRENCIES!
WHERE AND WHY TO INVEST IN 2017?

WMO Sagl presenta a Londra a un gruppo di selezionati amici/ investitori 4 societa' start up nel mondo Blockchain e criptocurrencies.

 
The presentations runs from 4.00 p.m. to 6:30 at the Baglioni Hotel in London. Speakers include Thomas Bertani of Oraclize, Giacomo Zucco of blockchainlab and BIP42, Natale Ferrara of Blockchaininvest.

to partecipate:
 info@wmogroup.com




Share/Bookmark

BITCOIN : L'IMPORTANZA DELLA POW PROOF OF WORK


Cos’è la «Proof of work» e perché chiunque voglia parlare di Blockchain deve conoscerla

Prima di disquisire se è meglio un sistema blockchain privato o pubblico, dobbiamo chiarirci su come raggiungere il consenso e cosa scrivere su quel registro. Questo è il tema che si tenta di descrivere qui. I sistemi pubblici usano la “Proof of Work (PoW)”, “la prova del lavoro”, cioè fanno fare a dei computer specializzati miliardi di calcoli al secondo per trovare la soluzione di un problema matematico. Sappiamo che essa è lenta, costosa, spreca risorse ed è inefficiente. Però è ritenuto un sistema sicuro, nel senso che non si può truccare il risultato senza effettivamente fare quel lavoro.
La sicurezza NON è basata sulla matematica, ma sull’economia.
Il primo nodo che ha svolto il lavoro con successo ha due diritti: riceve una ricompensa economica e scrive il blocco delle transazioni sulla blockchain.
La PoW è un’àncora che lega questo sistema immateriale alle risorse fisiche con gli incentivi economici per chi svolge il lavoro. Il tutto si ottiene attraverso la spesa di risorse economiche esterne rispetto al sistema online. È il cosiddetto “sottostante” reale, sempre necessario in qualsiasi sistema che mira a evitare la generazione di valore basato sul nulla (tipo gli schemi Ponzi).
È questo lavoro (e il costo associato) che crea l’immutabilità delle transazioni scritte nel registro, non la blockchain.
Si parla spesso di immutabilità ma in realtà dobbiamo approfondirla perché ci sono tre fattori che la creano: politici, tecnici ed economici.
  • Politici, s’intende il rispetto delle regole software su chi può scrivere il blocco delle transazioni
  • Tecnici, se è realizzabile con la tecnologia a disposizione
  • ma il più importante di tutti è il disincentivo economico nel consumare una risorsa esterna al sistema (es. elettricità): è solo questo che rende improponibile la doppia spesa o la frode.
Per riepilogare: Internet si preoccupa del trasporto delle informazioni; con la prova del lavoro, otteniamo la sicurezza del trasferimento delle proprietà (grazie ai suddetti incentivi economici).
La blockchain di tipo pubblico è quindi una soluzione decentralizzata per risolvere il problema del trasferimento della proprietà di un asset da parte di un portatore anonimo. La trasparenza delle transazioni garantisce in tal modo la controparte dal problema della doppia spesa del bene.
Per questa ragione la blockchain di Bitcoin non è un “libro mastro” dove si deve registrare tutto, ma solo un semplice diario (log) che certifica quale transazione viene prima dell’altra.
Il sistema Bitcoin, per essere una rete tra pari, è disegnato in modo architetturalmente decentralizzato.
La decentralizzazione del sistema Bitcoin è:
  • Politica, perché non ci sono permessi da chiedere per entrarci. Non contiene né intermediari né alcuna gerarchia
  • Tecnica, perché non c’è un “single point of failure”, né tecnico né umano
  • Economica, perché la prova del lavoro è distribuita, non si basa su “un nodo un voto”, ciò richiederebbe l’autenticazione e per non correre rischi (es. il Sybil attack) allora bisogna provare di aver speso un capitale.
Nei sistemi blockchain privati, invece, gli utenti che possono accedere a una rete sono stati precedentemente identificati e i loro beni e transazioni sono registrati (non al portatore ma su un libro contabile), allora la proprietà è determinata dalla voce valida su quel registro. Di solito non c’è bisogno di una criptovaluta, poiché i soggetti che interoperano si conoscono e stabiliscono tra loro le regole e la distribuzione dei costi di funzionamento.
L’esatto opposto per le più famose criptovalute, come bitcoin, Ethereum e l’ultima nata in ordine di tempo Zcash, infatti esse sono completamente sganciate dal piano statuale, sono nate globali, non seguono i regolamenti KYC/AML, e continuano su quell’ideale libertario. Per queste ragioni non sono utilizzate dalle istituzioni finanziarie che devono rispettare una rigida regolamentazione.
La blockchain che usa bitcoin è un registro pubblico delle prove di possesso dello strumento da parte di soggetti anonimi.
Del resto, le risorse al portatore, per definizione, non registrano i loro proprietari in un registro.
Come con un qualsiasi bene al portatore, il solo possesso (anche anonimo) della chiave privata del portafoglio conferisce la proprietà del bene digitale.
Se ci limitiamo alle blockchain pubbliche, questo è l’obiettivo: con un sistema censorship resistant evitare la doppia spesa di un valore digitale al portatore. Ogni altro caso d’uso è (al momento) solo un altro database condiviso.

Share/Bookmark

ONECOIN : LA CONSOB INDAGA E NON SOLO!!! TRUFFACOIN COLPISCE ANCORA

Onecoin finalmente sotto inchiesta!



Sul nostro account di posta ad alto anonimato, truffacoin@tutanota.com ci è stato inoltrato un leak strepitoso!
Si tratta di svariate pagine di una letteraccia pervenuta a un lungo elenco di intestatari italiani di siti Onecoin.
 In questa lettera, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato chiede dei chiarimenti sul loro operato. Tanto per partire con il piede giusto, si inquadra il fenomeno Onecoin come vendita piramidale.

Sussistono, pertanto, fondati elementi per ricondurre tale sistema di promozione e reclutamento di consumatori tra gli schemi a carattere piramidale

E altrove:
Le condotte descrite nella presente comunicazione sembrano potersi configurare come scorrette già ad un primo esame, in quanto sembrano evidenziare l'esistenza di un sistema promozionale ingannevole e a carattere piramidale
Poi si chiedono tutta una serie di documenti che per l'affiliato Onecoin sono .... imbarazzanti da produrre, essendo tutta l'attività di Onecoin fatta a "umma-umma", "al nero", "tra amici"
Ad esempio, si chiede di:
Specificare il numero complessivo dei contratti di adesione al programma Onecoin sottoscritti dai consumatori italiani
Specificare il volume complessivo delle somme investite dai consumatori, distinguendo tra quelle destinate all'acquisto della criptovaluta e quelle collegate al corrispettivo per i pacchetti-formazione
Poi, la chicca finale. Dato che Onecoin, i suoi accoliti e i suoi zelanti legali si sono sempre difesi dicendo "noi non proponiamo investimenti, noi vendiamo pacchetti di formazione!", l'autorità vuole vederci chiaro, e chiede:

Ovviamente, questo punto è davvero importante, perché in pratica i pacchetti di formazione non esistono, e diventa difficile giustificare spese di centinaia se non migliaia di Euro a fronte di poco o nulla. Insomma, in mancanza di questi pacchetti di formazione sarebbe lampante che Onecoin altro non è che uno schema Ponzi.
Come se non bastasse, le cifre sul fatturato degli affiliati (o meglio, sul NON fatturato) saranno senza dubbio interessanti per il fisco. Per andare sul sicuro, viene infine ordinato ai promotori di sospendere l'attività di commercializzazione di Onecoin.
Ancora non siamo in grado di quantificare la scala dell'operazione, ma a ricevere la mail sarebbero stati i responsabili di decine di siti.
Insomma, incapaci di riscuotere se non per contanti e sotto il mirino delle autorità, direi che per gli affiliati Onecoin sono ...AGITATI.

MULTE IMPORTANTI E/O LA GALERA POTREBBE ATTENDERE I VENDITORI DI SPACECOIN SWISSCOIN MA SOPRATUTTO ONECOIN


Share/Bookmark

GIOVEDI 1 DICEMBRE : LONDRA

Inizia giovedi il lungo fine settimana A LONDRA da parte del nostro gruppo! 
sei sempre in tempo a prendere un aereo e unirti a noi!
oppure se abiti a londra puoi venire a conoscerci, ai nostri eventi e alle cene di gruppo.

mercatiliberi@gmail.com
335.6651045

Share/Bookmark

GENERALI MAGGIORE AZIONISTA DI MPS! MPS SARA' UN AFFARE?

con la conversione di oltre 400 milioni di obbligazioni subordinate e il successivo aumento di capitale di 5 miliardi....GENERALI rischia di diventare il maggiore azionista di MPS con una quota del 8%
 Mps ha appena incassato un altro importante via libera indispensabile per la riuscita del piano di salvataggio. Dalla Banca centrale europea, infatti, è arrivata luce verde all’intera operazione di salvataggio orchestrata da Jp Morgan e da Mediobanca. Operazione che, va ricordato, oltre all’aumento di capitale, prevede la cessione di un maxi pacchetto di sofferenze del valore originario di oltre 27 miliardi. Proprio su una parte di queste sofferenze, dovrebbe scendere in campo Atlante 2.
  ricordo che :
1) se l'operazione sugli NPL va in porto alle condizioni di luglio (poco probabile) 
2) e se va in porto conversione obbligazioni 
3) e aumento  di capitale VISTO LA PROFITTABILITA' DI 1 MILIARDO DI EURO PREVISTA ...la banca potrebbe capitalizzare a operazione finita dai 7 ai 10 miliardi.
Oggi la banca capitalizza 400 milioni + 5 miliardi di aumento di capitale (di cui uno verra' dall'obbligazionario)
INSOMMA...COMPRARE MPS QUANDO CAPITALIZZERA' 5 MILIARDI E 50 MILIONI E TUTTO SARA' CHIARO (relativo all'acquisto NPL) POTREBBE ESSERE UN AFFARE..SEMPRE CHE LA SITUAZIONE IN ITALIA SI SCHIARISCA..E IL RISCHIO SISTEMICO CALI
ALTRIMENTI SARAN DOLORI PER ALCUNI

Share/Bookmark

BLOCKCHAIN E BITCOIN ALL'UNIVERSITA' DI LUGANO




oggi, martedi 29 novembre a LUGANO incontro dedicato a BLOCKCHAIN E BITCOIN!
Giacomo Zucco partner WMO speaker!
 A SEGUIRE IMPORTANTE CENA DI LAVORO SU PROGETTI 2017 INENARRABILI!

Blockchain and Cryptocurrencies 

• Giacomo Zucco, CEO, Blockchainlab and WMo Partner

• Alessandro d'Amato, Co-Founder, Alsaro

VenueUSI - Room 251
AddressVia Giuseppe Buffi 13
Lugano TI 6900, CH
StartsTue Nov 29 2016, 6:00pm CET
EndsTue Nov 29 2016, 7:00pm CET


Share/Bookmark

TI HO DETTO CHE VOTO NO!!!



Share/Bookmark

ARTICOLO INQUIETANTE MA ANCHE AFFASCINANTE SUL MINING DI BITCOIN IN VENEZUELA !

 ASSOLUTAMENTE DA LEGGERE:
BELLISSIMO E INTENSO, LA STORIA VERA DI ALBERTO UN 27 ANNI DI GRANDE TALENTO IMPRENDITORIALE

Four years ago, Alberto's career prospects were bleak. The 23-year-old Venezuelan had just graduated from college with a degree in computer science, but his nation's economy was already shredded by 13 years of socialism.
"There were job opportunities, but they paid like $20 a month, and we were ....
continua


Share/Bookmark

TRANQUILLI, ANCHE OGGI NESSUN PROBLEMA PER I VOSTRI RISPARMI!!!

UNICREDIT -4,5%
MONTEPASCHI  -13,8%
POPOLARE MILANO -5,4%
BANCO POPOLARE -5,02%
CARIGE -9,30
UBI -2,7% 
FINECO -3,6%
BANCA POPOLARE EMILIA ROMAGNA -6,5%



Share/Bookmark

LA SIGNORA GINA ! PRIMO MINISTRO! GRANDISSIMA








Share/Bookmark

2017 ANNO TERRIBILE PER L'ITALIA! GUARDATE LE SCADENZE DEI BONDS



Share/Bookmark